Immagine di MUTUI CASA COSA CAMBIA

MUTUI CASA COSA CAMBIA

I rialzi per i mutui a 20 e 30 anni

Abbiamo costruito una tabella indicando, sulla base delle condizioni rilevate dal sito di mutuiOnline.it il 2 maggio, il costo del prodotto offerto al tasso più basso e il tasso medio, per i mutui a 20 e 30 anni. Le durate prescelte sono quelle più diffuse, 20 e 30 anni, i mutui sono suddivisi per Ltv (loan to value: rapporto tra prestito e valore della garanzia, tipicamente costituita dalla casa che si intende acquistare). Ltv è il parametro più importante per definire il prezzo del mutuo; l’indicazione della tabella è fatta simulando che l’acquisto riguardi una casa da 300mila euro, Ltv 60 quindi significa che il mutuo è di 180mila euro, ma sostanzialmente il tasso indicato vale per qualsiasi cifra (entro un intervallo ragionevole), e quindi anche se l’acquisto riguardasse una casa da 400mila euro (con un mutuo quindi da 240mila) o di 200mila (mutuo da 120mila). In questi casi le rate ovviamente si adeguano in proporzione.

Venendo alla spesa reale, un mutuo da 180mila euro a 20 anni a tasso fisso fa pagare alle condizioni migliori del mercato una rata da 916 euro che salgono a 934 euro se si considerano i tassi medi; le rate variabili sono rispettivamente 806 e 812 euro. A trent’anni le rate fisse scendono 672 (miglior mutuo) e a 702 (mutuo medio) mentre negli indicizzati i valori sono rispettivamente 563 e 567 euro. Come si può vedere la forbice di costo tra fisso e variabile è diventata abbastanza larga ma forse non è ancora tale da far valutare la scelta del variabile, in considerazione anche del fatto che l’Euribor entro fine anno dovrebbe cominciare a risalire.

L’andamento dei tassi sta già portando a conseguenze evidenti sul mercato perché le compravendite (dati ufficiali non ce ne sono ancora ma l’opinione di agenzie e centri studi è concorde) sono in rallentamento. Il limite di guardia per i mutui ordinari è il 3%, superato quel valore senza una contemporanea discesa dei prezzi degli immobili lil rischio di uno stop delle vendite è molto forte. Inoltre, già ai valori attuali i mutui agevolati a tasso fisso per gli under 36 non si possono tecnicamente erogare, perché i tassi sia pure agevolati sarebbero più alti del massimo stabilito dalle norme (fino al 30 giugno non si possono dare mutui agevolati a un costo superiore all’1,92%). Infine, sono completamente sparite dall’orizzonte le cosiddette surroghe perché il tasso del nuovo mutuo finirebbe per essere maggiore di quello che il debitore ha in corso.

 

Share:
Facebook
Twitter
Post correlati
Immagine di Mutui più costosi con l’inflazione? Ecco cosa succederà secondo gli esperti Mutui più costosi con l’inflazione? Ecco cosa succederà secondo gli esperti
Finanza
ven, 25 febbraio 2022
Immagine di ITALIA PAESE PIU' CONVENIENTE PER FARE MUTUO COMPRA CASA ITALIA PAESE PIU' CONVENIENTE PER FARE MUTUO COMPRA CASA
Finanza
gio, 4 giugno 2020